Local view for "http://purl.org/linkedpolitics/eu/plenary/2017-07-04-Speech-2-837-000"

PredicateValue (sorted: default)
rdf:type
dcterms:Date
dcterms:Is Part Of
dcterms:Language
lpv:document identification number
"en.20170704.44.2-837-000"1
lpv:hasSubsequent
lpv:speaker
lpv:spoken text
"Signora Presidente, onorevoli colleghi, ringrazio tutti gli intervenuti per il contributo che hanno dato. Come diceva l'on. Brok, veramente questa coralità di condivisione dimostra che l'Europa ha bisogno di cultura e che ne siamo tutti forse più consapevoli rispetto all'inizio della legislatura. Questo mi fa molto piacere, vuol dire che abbiamo lavorato bene insieme: Parlamento, Commissione e Consiglio. Vorrei solo dire che ha ragione Federica Mogherini – naturalmente ringrazio anche il commissario Navracsics, anche se non è presente, perché è stata una produzione comune, e tutto il suo staff – ha ragione: un effetto l'ha già ottenuto, l'ho potuto verificare anch'io personalmente, nel senso che non solo in Parlamento per la prima volta sono due commissioni insieme che hanno affrontato un tema come questo, e sono commissioni importanti, ma anche che nella Commissione si è attivata effettivamente una integrata tra diverse DG, il che è già un risultato molto promettente, superando l'approccio un po' "a silos", che è quello che qualche volta ci distingue. Credo che un altro frutto sia quello che Lei ha citato: noi abbiamo fatto una grande richiesta alla Commissione, in particolare alla DG Cultura, e sicuramente il clima che si è creato ha favorito il fatto che la Tunisia è finalmente il primo paese della sponda Sud del Mediterraneo che può effettivamente partecipare al programma Europa creativa. Anche io auspico che sia l'Unione europea, come Lei ha detto, e aspettiamo con impazienza questa iniziativa del Consiglio, che possa effettivamente fare propria, in quanto Unione europea, l'iniziativa per quanto riguarda l'adesione alla per la tutela del patrimonio culturale a rischio, ma anche per aderire alle convenzioni europee e del Consiglio d'Europa sulla protezione del patrimonio culturale. Un ultimo auspicio: sarebbe molto bello che a Milano, dove a dicembre si farà per la prima volta – non a Bruxelles, a Milano, e questo mi fa molto piacere – il Forum europeo sulla cultura, in cui si annuncerà l'anno europeo del patrimonio culturale e si illustrerà la diplomazia culturale europea, che si possa pensare a un lancio, un evento di lancio in tutte le delegazioni europee, in tutti gli istituti culturali nel mondo di questa grande iniziativa: l'anno europeo in una dimensione internazionale."@it2
lpv:unclassifiedMetadata
lpv:videoURI

Named graphs describing this resource:

1http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Events_and_structure.ttl.gz
2http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Italian.ttl.gz

The resource appears as object in 2 triples

Context graph