Local view for "http://purl.org/linkedpolitics/eu/plenary/2013-07-03-Speech-3-163-500"

PredicateValue (sorted: default)
rdf:type
dcterms:Date
dcterms:Is Part Of
dcterms:Language
lpv:document identification number
"en.20130703.28.3-163-500"1
lpv:hasSubsequent
lpv:speaker
lpv:spoken text
"Sicuramente l'accordo raggiunto non è il migliore in assoluto, ma dubito si potesse sperare in qualcosa di più in questo momento. Il Parlamento è riuscito ad ottenere punti importanti, primo fa tutti la possibilità di revisione di medio termine, la clausola di flessibilità ed un impegno concreto per combattere una delle principali piaghe attuali, ovvero la disoccupazione giovanile. Anche per quanto riguarda l'agricoltura, da sempre importante per l'Italia, le prospettive iniziali erano ben peggiori. Resta comunque ben presente il problema dei contributi netti che il nostro paese dovrà lasciare a Bruxelles anche per i prossimi sette anni: si parla di un risparmio sull'arco temporale di circa 5 miliardi di euro, rispetto ai trenta dell'ultimo periodo finanziario. È comunque una cifra consistente, nell'ordine dei 25 miliardi, che verrà persa nel gioco del dare-avere con l'Unione europea. Mi sembra un valere molto elevato, troppo direi, soprattutto per il ritorno che abbiamo dall'Europa. Il clima generale che si respira è comunque di sfiducia verso questa Unione, e non vedo come potrebbe essere diversamente. La situazione tuttavia non si può modificare in un colpo con la bacchetta magica, e pertanto cerchiamo di migliorarla il più possibile, nel limite delle condizioni attuali."@it2
lpv:spokenAs
lpv:unclassifiedMetadata

Named graphs describing this resource:

1http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Events_and_structure.ttl.gz
2http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Italian.ttl.gz
3http://purl.org/linkedpolitics/rdf/spokenAs.ttl.gz

The resource appears as object in 2 triples

Context graph