Local view for "http://purl.org/linkedpolitics/eu/plenary/2012-07-02-Speech-1-099-000"

PredicateValue (sorted: default)
rdf:type
dcterms:Date
dcterms:Is Part Of
dcterms:Language
lpv:document identification number
"en.20120702.18.1-099-000"6
lpv:hasSubsequent
lpv:speaker
lpv:spoken text
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@it12
lpv:spokenAs
lpv:translated text
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@cs1
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@da2
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@de9
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@el10
"I congratulate the rapporteur, Ms Ţicău, on her work. Certainly, the installation and use of a tachograph, if used correctly, can be an excellent tool to improve road safety and the working conditions of hauliers, while at the same time satisfying their legitimate needs for privacy. To protect drivers, more stringent rules on driving times and rest times are, of course, necessary. I therefore welcome the new rules that aim to improve tachograph functions, such as the use of wireless communications for roadside checks in order to lower the number of vehicles stopped, as well as the provisions on the training of control officers. With a view to ensuring road safety in the European Union at all possible levels, it is of prime importance to affirm a clear and full principle of co-responsibility, and I therefore consider positive the compromise obtained by the rapporteur whereby the parties concerned must carry out regular checks in accordance with the provisions of Article 10(4) of Regulation (EC) No 561/2006. With regard to the installation of tachographs in all vehicles which are not exempted, I would ask that we bear in mind that the obligations arising from compliance with the procedure must not overwhelm small and medium-sized enterprises with financial burdens and red tape."@en4
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@es21
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@et5
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@fi7
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@fr8
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@hu11
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@lt14
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@lv13
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@mt15
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@nl3
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@pl16
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@pt17
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@ro18
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@sk19
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@sl20
"Mi compiaccio con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l'installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy. Sicuramente, per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo. Apprezzo perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l'uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell'ottica di garantire la sicurezza stradale nell'Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un'importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla la relatrice in base al quale le parti coinvolte devono fare controlli regolari secondo quanto già stabilito dall'articolo 10, paragrafo 4 del Regolamento 561/2006. Per quanto riguarda l'installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, chiedo si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende."@sv22
lpv:unclassifiedMetadata
"Debora Serracchiani (S&D ),"18,5,20,15,1,19,14,16,11,2,7,3,22,13,10,9,17,21,12,8
"per iscritto"18,5,20,15,1,19,14,16,11,2,7,3,22,13,10,9,17,21,12,8

Named graphs describing this resource:

1http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Czech.ttl.gz
2http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Danish.ttl.gz
3http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Dutch.ttl.gz
4http://purl.org/linkedpolitics/rdf/English.ttl.gz
5http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Estonian.ttl.gz
6http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Events_and_structure.ttl.gz
7http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Finnish.ttl.gz
8http://purl.org/linkedpolitics/rdf/French.ttl.gz
9http://purl.org/linkedpolitics/rdf/German.ttl.gz
10http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Greek.ttl.gz
11http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Hungarian.ttl.gz
12http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Italian.ttl.gz
13http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Latvian.ttl.gz
14http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Lithuanian.ttl.gz
15http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Maltese.ttl.gz
16http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Polish.ttl.gz
17http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Portuguese.ttl.gz
18http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Romanian.ttl.gz
19http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Slovak.ttl.gz
20http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Slovenian.ttl.gz
21http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Spanish.ttl.gz
22http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Swedish.ttl.gz
23http://purl.org/linkedpolitics/rdf/spokenAs.ttl.gz

The resource appears as object in 2 triples

Context graph