Local view for "http://purl.org/linkedpolitics/eu/plenary/2006-06-01-Speech-4-057"

PredicateValue (sorted: default)
rdf:type
dcterms:Date
dcterms:Is Part Of
dcterms:Language
lpv:document identification number
"en.20060601.5.4-057"6
lpv:hasSubsequent
lpv:speaker
lpv:spoken text
"Signor Presidente, anch’io intervengo su questo tema estremamente delicato che è stato affrontato con grande intelligenza e con grande attenzione dalla nostra collega. Anch’io mi soffermo su tre punti fondamentali che sono stati messi in luce dalla relazione e che desidero qui sottolineare. Il primo riguarda i mali antichi della violenza in occasione delle guerre: credo che la modernità della risposta rispetto a questi mali antichi che tutti conosciamo e che non ricorderò neanche, può essere una sola, in una parola tolleranza zero da parte di tutto il mondo che si riconosce nella democrazia, quale il nostro. Il secondo punto: tolleranza zero vuol dire tante cose, vuol dire durezza anche, nel perseguire questi reati e inaccettabilità di giustificazioni di qualsiasi tipo. Il secondo punto è invece più nuovo ed è quello che vede la donna stessa esercitare delle violenze. Questo può avvenire ancora una volta in parte come vittima, come nel caso delle donne kamikaze che spesso così sono ancora una volta usate, ma bisogna riconoscere che ci sono casi in cui le donne in nome del principio dell’uguaglianza hanno esercitato violenza come gli altri. In questo caso anche qui nessuna tolleranza, chiamiamola così, di genere. C’è un terzo fatto che mi preme di più e che vorrei sottolineare con maggiore enfasi: quello di un ruolo tanto importante da arrivare addirittura a parlare di quote delle donne in tutta la vita politica, amministrativa, legata alle questioni di guerra. Vorrei vederle sedute a tutti i tavoli in cui si parla di pace e di ricostruzione. Io credo che la presenza delle donne in questo settore sia l’offerta di modernità e di democrazia che il nostro mondo può dare, la vera nuova offerta di novità."@it12
lpv:spokenAs
lpv:translated text
"Signor Presidente, anch'io intervengo su questo tema estremamente delicato che è stato affrontato con grande intelligenza e con grande attenzione dalla nostra collega. Anch'io mi soffermo su tre punti fondamentali che sono stati messi in luce dalla relazione e che desidero qui sottolineare. Il primo riguarda i mali antichi della violenza in occasione delle guerre: credo che la modernità della risposta rispetto a questi mali antichi che tutti conosciamo e che non ricorderò neanche, può essere una sola, in una parola tolleranza zero da parte di tutto il mondo che si riconosce nella democrazia, quale il nostro. Il secondo punto: tolleranza zero vuol dire tante cose, vuol dire durezza anche, nel perseguire questi reati e inaccettabilità di giustificazioni di qualsiasi tipo. Il secondo punto è invece più nuovo ed è quello che vede la donna stessa esercitare delle violenze. Questo può avvenire ancora una volta in parte come vittima, come nel caso delle donne kamikaze che spesso così sono ancora una volta usate, ma bisogna riconoscere che ci sono casi in cui le donne in nome del principio dell'uguaglianza hanno esercitato violenza come gli altri. In questo caso anche qui nessuna tolleranza, chiamiamola così, di genere. C'è un terzo fatto che mi preme di più e che vorrei sottolineare con maggiore enfasi: quello di un ruolo tanto importante da arrivare addirittura a parlare di quote delle donne in tutta la vita politica, amministrativa, legata alle questioni di guerra. Vorrei vederle sedute a tutti i tavoli in cui si parla di pace e di ricostruzione. Io credo che la presenza delle donne in questo settore sia l'offerta di modernità e di democrazia che il nostro mondo può dare, la vera nuova offerta di novità."@cs1
"Hr. formand! Jeg skal også tale om dette utroligt følsomme emne, som fru De Keyser har behandlet yderst intelligent og meget grundigt. Jeg vil også fokusere på de grundlæggende punkter, der tages op i betænkningen, og som jeg gerne vil fremhæve her. Den første ting drejer sig om det ældgamle onde med seksuel vold i krigstid. Efter min mening kan der kun være én moderne reaktion på dette ældgamle onde (vi ved alle, hvad det er, og jeg vil ikke nævne det igen): ganske kort, nultolerance i alle samfund, der betragter sig selv som værende et demokrati som vores eget. Den anden ting: Nultolerance kan være mange ting, herunder at slå ned ved at straffe disse forbrydelser og ikke acceptere undskyldninger af nogen art. Det andet punkt er derimod af nyere dato, og det er, at kvinderne selv begår voldshandlinger. De gør det måske igen til dels som ofre som de kvindelige selvmordsbombere, der ofte bliver udnyttet, men man må erkende, at der findes tilfælde, hvor kvinder i lighedens navn har brugt vold som alle andre. Også i sådanne tilfælde må der ikke være tale om kønstolerance så at sige. Der er en tredje ting, der bekymrer mig i stigende grad, og som jeg gerne vil fremhæve med større empati: Deres rolle er så vigtig, at man endda taler om kvoter for kvinder i alle politiske og administrative sammenhænge, hvor man beskæftiger sig med krigsspørgsmål. Jeg vil gerne se dem sidde med ved alle forhandlingsborde, hvor man diskuterer fred og genopbygning. Jeg mener, at kvinders tilstedeværelse på dette område er det, vores verden kan tilbyde i form af modernitet og demokrati: et helt nyt og moderne bidrag."@da2
"Herr Präsident! Ich melde mich ebenfalls zu diesem äußerst sensiblen Thema zu Wort, das wirklich scharfsinnig und gewissenhaft von Frau De Keyser behandelt wurde. Auch ich möchte drei wesentliche Punkte herausgreifen, die in dem Bericht beleuchtet wurden und die ich hier hervorheben möchte. Der erste Punkt betrifft das uralte Übel der sexuellen Gewalt in Kriegszeiten. Ich denke, dass es nur eine moderne Antwort auf dieses uralte Übel geben kann (wir kennen es alle und ich werde es jetzt nicht weiter erwähnen): in einem Wort, Nulltoleranz vonseiten jeder Gesellschaft, die sich zur Demokratie bekennt wie die unsrige. Zweiter Punkt: Nulltoleranz bedeutet Vieles, einschließlich scharfes Vorgehen bei der Verfolgung solcher Straftaten und keine Akzeptanz von Rechtfertigungen welcher Art auch immer. Der zweite Punkt ist allerdings aktueller und bezieht sich auf die Tatsache, dass Frauen selbst Gewalttaten verüben. Das mögen sie wiederum teilweise als Opfer tun, wie z. B. die Selbstmordattentäterinnen, die oft auch auf diese Weise benutzt werden, doch muss auch festgestellt werden, dass es Fälle gibt, in denen Frauen im Namen des Gleichheitsgrundsatzes wie jedermann Gewalt verübt haben. Auch in solchen Fällen darf es keine geschlechtsbezogene Toleranz geben, um es einmal so zu nennen. Es gibt einen dritten Punkt, der mich besonders bewegt und dem ich mehr Nachdruck verleihen möchte: ihre Rolle ist so bedeutend, dass sogar von Frauenquoten in allen Politik- und Verwaltungsbereichen gesprochen wird, die mit Problemen des Krieges zusammenhängen. Ich möchte sie an allen Tischen sitzen sehen, an denen über Frieden und Wiederaufbau gesprochen wird. Ich denke, die Präsenz von Frauen in diesem Bereich ist es, was unsere Welt an Modernität und Demokratie zu bieten hat: ein wirklich neuer, zeitgemäßer Beitrag."@de9,9
"Κύριε Πρόεδρε, παρεμβαίνω και εγώ επί του εξαιρετικά ευαίσθητου αυτού ζητήματος, το οποίο η συνάδελφος προσέγγισε με μεγάλη οξυδέρκεια και διορατικότητα. Θα σταθώ και εγώ σε τρία θεμελιώδη σημεία που προέκυψαν από την έκθεση και τα οποία θα ήθελα να υπογραμμίσω. Το πρώτο αφορά το πανάρχαιο αίσχος της σεξουαλικής βίας κατά τη διάρκεια των πολέμων: πιστεύω πως η σύγχρονη απάντηση στο προαιώνιο αυτό κακό που όλοι γνωρίζουμε και δεν θέλω ούτε να κατονομάσω, μπορεί να συνοψισθεί σε μία μόνο λέξη: μηδενική ανοχή από όλο τον κόσμο που πιστεύει στη δημοκρατία, όπως εμείς. Το δεύτερο σημείο: μηδενική ανοχή σημαίνει πολλά, σημαίνει και αυστηρή τιμωρία αυτών των αδικημάτων και απόρριψη κάθε αιτιολόγησής τους. Το δεύτερο σημείο είναι αντιθέτως νεώτερο και αφορά την ίδια τη γυναίκα όταν ασκεί βία. Σε ορισμένες από αυτές τις περιπτώσεις η γυναίκα μπορεί να είναι και πάλι το θύμα, όπως στην περίπτωση των γυναικών καμικάζι που συχνά είναι θύματα εκμετάλλευσης, αλλά θα πρέπει να αναγνωρίσουμε ότι υπάρχουν περιπτώσεις στις οποίες οι γυναίκες έχουν ασκήσει βία, ακριβώς όπως και οι άνδρες, στο όνομα της αρχής της ισότητας. Καμία ανοχή λοιπόν και σε αυτές τις περιπτώσεις. Υπάρχει, τέλος, ένα τρίτο ζήτημα που με ενδιαφέρει περισσότερο και θα ήθελα να τονίσω με περισσότερη έμφαση: το ζήτημα ενός ρόλου που είναι τόσο σημαντικός ώστε να προτείνεται η θέσπιση ποσοστώσεων για τις γυναίκες σε όλες τις πολιτικές και διοικητικές σφαίρες που συνδέονται με τον πόλεμο. Θα ήθελα να δω τις γυναίκες να συμμετέχουν σε όλες τις συζητήσεις που αφορούν την ειρήνη και την ανοικοδόμηση. Πιστεύω πως η παρουσία των γυναικών σε αυτόν τον τομέα είναι η συμβολή του εκσυγχρονισμού και της δημοκρατίας που μπορεί να προσφέρει ο κόσμος μας: μια πραγματικά νέα, σύγχρονη συμβολή."@el10
"Mr President, I too am going to speak about this extremely sensitive issue, which has been addressed very intelligently and very thoroughly by Mrs De Keyser. I too will focus on three fundamental points that were highlighted in the report and which I would like to emphasise here. The first point concerns the age-old evil of sexual violence at times of war. I believe there can only be one modern response to this age-old evil (we are all familiar with it and I shall not mention it again now): in a word, zero tolerance on the part of any society that considers itself a democracy, like our own. The second point: zero tolerance means many things, including clamping down by punishing these crimes and not accepting excuses of any kind. The second point, in contrast, is more recent, and is the fact that women themselves are committing acts of violence. They may be doing that, again, partly as victims, as in the case of women suicide bombers, who once again are often being used, but it has to be recognised that there are cases where women, in the name of equality, have used violence just like anyone else. Here too, in such cases there should be no gender tolerance, so to speak. There is a third fact that concerns me even more and which I should like to highlight more emphatically: their role is so important that there is even talk of quotas for women in all political and administrative spheres connected with matters of war. I should like to see them sitting at all tables where peace and reconstruction are discussed. I think that the presence of women in this area is what our world can offer in terms of modernity and democracy: a really new, contemporary contribution."@en4
"Señor Presidente, yo también voy a hablar sobre esta cuestión extremadamente delicada, que ha sido abordada de forma muy inteligente y exhaustiva por la señora De Keyser. Yo también me concentraré en tres puntos fundamentales subrayados en el informe y en los que quiero insistir aquí. El primer punto se refiere al multisecular mal de la violencia sexual en tiempos de guerra. Creo que solamente puede haber una respuesta moderna a este multisecular mal (todos lo conocemos perfectamente y no lo mencionaré aquí de nuevo): en una palabra, tolerancia cero por parte de cualquier sociedad que se considere a sí misma una democracia, como la nuestra. El segundo punto: tolerancia cero significa muchas cosas, incluyendo unas fuertes medidas, para castigar estos crímenes y no aceptar excusas de ningún tipo. El segundo punto, en contraste, es más reciente, y es el hecho de que las propias mujeres están cometiendo actos de violencia. Puede que lo estén haciendo, una vez más, en parte como víctimas, como en el caso de las mujeres que actúan como bombas humanas, que se están volviendo a utilizar con frecuencia, aunque hay que reconocer que hay casos en los que las mujeres, en nombre de la igualdad, han utilizado la violencia como los demás. En este sentido, en estos casos no debería existir tampoco tolerancia de género, por así decirlo. Hay un tercer hecho que me preocupa incluso más y en el que me gustaría hacer mayor hincapié: su papel es tan importante que incluso se habla de cuotas para las mujeres en todas las esferas políticas y administrativas relacionadas con asuntos de guerra. Me gustaría que se sentasen a todas las mesas en las que se habla sobre la paz y la reconstrucción. Creo que la presencia de las mujeres en este ámbito es lo que nuestro mundo puede ofrecer en términos de modernidad y democracia: una contribución realmente nueva y contemporánea."@es20
"Signor Presidente, anch'io intervengo su questo tema estremamente delicato che è stato affrontato con grande intelligenza e con grande attenzione dalla nostra collega. Anch'io mi soffermo su tre punti fondamentali che sono stati messi in luce dalla relazione e che desidero qui sottolineare. Il primo riguarda i mali antichi della violenza in occasione delle guerre: credo che la modernità della risposta rispetto a questi mali antichi che tutti conosciamo e che non ricorderò neanche, può essere una sola, in una parola tolleranza zero da parte di tutto il mondo che si riconosce nella democrazia, quale il nostro. Il secondo punto: tolleranza zero vuol dire tante cose, vuol dire durezza anche, nel perseguire questi reati e inaccettabilità di giustificazioni di qualsiasi tipo. Il secondo punto è invece più nuovo ed è quello che vede la donna stessa esercitare delle violenze. Questo può avvenire ancora una volta in parte come vittima, come nel caso delle donne kamikaze che spesso così sono ancora una volta usate, ma bisogna riconoscere che ci sono casi in cui le donne in nome del principio dell'uguaglianza hanno esercitato violenza come gli altri. In questo caso anche qui nessuna tolleranza, chiamiamola così, di genere. C'è un terzo fatto che mi preme di più e che vorrei sottolineare con maggiore enfasi: quello di un ruolo tanto importante da arrivare addirittura a parlare di quote delle donne in tutta la vita politica, amministrativa, legata alle questioni di guerra. Vorrei vederle sedute a tutti i tavoli in cui si parla di pace e di ricostruzione. Io credo che la presenza delle donne in questo settore sia l'offerta di modernità e di democrazia che il nostro mondo può dare, la vera nuova offerta di novità."@et5
"Arvoisa puhemies, minäkin aion puhua tästä äärimmäisen arkaluonteisesta kysymyksestä, jota jäsen De Keyser on käsitellyt hyvin älykkäästi ja erittäin perinpohjaisesti. Myös minä aion keskittyä kolmeen erittäin keskeiseen seikkaan, joita korostettiin mietinnössä ja joita haluan korostaa puheenvuorossani. Ensimmäinen koskee ikivanhaa seksuaalisen väkivallan vitsausta sota-aikana. Tähän ikivanhaan vitsaukseen (me kaikki tunnemme sen, enkä mainitse sitä nyt uudelleen) voi mielestäni olla vain yksi nykyaikainen vastaus: sanalla sanoen, nollatoleranssi missä tahansa itseään demokratiana pitävässä yhteiskunnassa, kuten omassamme. Toiseksi nollatoleranssi tarkoittaa monia asioita, myös tiukemman kannan ottamista rankaisemalla näistä rikoksista ja torjumalla kaikenlaiset tekosyyt. Toinen seikka on sitä vastoin uudempi, nimittäin se, että naiset itse syyllistyvät väkivaltaan. He saattavat tehdä näin taas osittain siksi, että ovat itse uhreja, kuten naispuoliset itsemurhaiskujen tekijät, joita jälleen kerran käytetään usein hyväksi. On kuitenkin myönnettävä, että on tapauksia, joissa naiset ovat tasa-arvon nimissä käyttäneet väkivaltaa kuten kuka tahansa. Myöskään tällaisissa tapauksissa ei pitäisi soveltaa niin sanottua sukupuolitoleranssia. Lisäksi on kolmas seikka, joka huolestuttaa minua vieläkin enemmän ja jota haluan korostaa painokkaammin. Naisten asema on niin tärkeä, että puhutaan jopa naiskiintiöistä kaikilla niillä politiikan ja hallinnon aloilla, joilla käsitellään sotaan liittyviä asioita. Haluaisin nähdä naisten istuvan kaikissa pöydissä, joissa keskustellaan rauhasta ja jälleenrakentamisesta. Naisten läsnäolo tällä alalla on mielestäni se, mitä voimme tarjota nykyaikaisuuden ja demokratian osalta: todella uusi, nykyajan panos."@fi7
"Monsieur le Président, je vais, moi aussi, intervenir sur ce sujet extrêmement sensible, abordé de façon très intelligente et approfondie par Mme De Keyser. Je me concentrerai, moi aussi, sur trois points fondamentaux soulignés dans le rapport et que je souhaite mettre en avant ici. Le premier point concerne le fléau de toujours qu’est la violence sexuelle en temps de guerre. Je pense qu’il ne peut y avoir qu’une réponse moderne à cet antique fléau. Il nous est familier à tous et je ne vais pas le mentionner de nouveau ici. En un mot, toutes les sociétés qui se considèrent comme des démocraties, comme la nôtre, doivent pratiquer une tolérance zéro. Deuxièmement, la tolérance zéro signifie beaucoup et notamment de prendre des mesures répressives visant à punir ces crimes sans accepter d’excuses d’aucune sorte. À l’inverse, le fait que les femmes commettent elles-mêmes des actes de violence est un phénomène plus récent. Encore une fois, elles le font souvent, partiellement, en tant que victimes comme dans le cas des femmes kamikazes, qui sont souvent manipulées. Il a toutefois été démontré que, dans certains cas, ce sont les femmes qui, au nom de l’égalité, utilisent la violence comme n’importe qui d’autre. Ici aussi, dans de tels cas, il ne doit y avoir aucune tolérance fondée sur le genre, si l’on peut parler ainsi. Un troisième point me préoccupe encore plus et je le souligne avec davantage de force. Leur rôle est tellement important que l’on parle même de quotas pour les femmes dans toutes les sphères politiques et administratives liées aux problèmes de la guerre. Je souhaiterais les voir siéger à toutes les tables où se discutent la paix et la reconstruction. Je pense que la présence des femmes dans ce domaine est ce que notre monde a de mieux à offrir en termes de modernité et de démocratie: une contribution véritablement nouvelle et contemporaine."@fr8
"Signor Presidente, anch'io intervengo su questo tema estremamente delicato che è stato affrontato con grande intelligenza e con grande attenzione dalla nostra collega. Anch'io mi soffermo su tre punti fondamentali che sono stati messi in luce dalla relazione e che desidero qui sottolineare. Il primo riguarda i mali antichi della violenza in occasione delle guerre: credo che la modernità della risposta rispetto a questi mali antichi che tutti conosciamo e che non ricorderò neanche, può essere una sola, in una parola tolleranza zero da parte di tutto il mondo che si riconosce nella democrazia, quale il nostro. Il secondo punto: tolleranza zero vuol dire tante cose, vuol dire durezza anche, nel perseguire questi reati e inaccettabilità di giustificazioni di qualsiasi tipo. Il secondo punto è invece più nuovo ed è quello che vede la donna stessa esercitare delle violenze. Questo può avvenire ancora una volta in parte come vittima, come nel caso delle donne kamikaze che spesso così sono ancora una volta usate, ma bisogna riconoscere che ci sono casi in cui le donne in nome del principio dell'uguaglianza hanno esercitato violenza come gli altri. In questo caso anche qui nessuna tolleranza, chiamiamola così, di genere. C'è un terzo fatto che mi preme di più e che vorrei sottolineare con maggiore enfasi: quello di un ruolo tanto importante da arrivare addirittura a parlare di quote delle donne in tutta la vita politica, amministrativa, legata alle questioni di guerra. Vorrei vederle sedute a tutti i tavoli in cui si parla di pace e di ricostruzione. Io credo che la presenza delle donne in questo settore sia l'offerta di modernità e di democrazia che il nostro mondo può dare, la vera nuova offerta di novità."@hu11
"Signor Presidente, anch'io intervengo su questo tema estremamente delicato che è stato affrontato con grande intelligenza e con grande attenzione dalla nostra collega. Anch'io mi soffermo su tre punti fondamentali che sono stati messi in luce dalla relazione e che desidero qui sottolineare. Il primo riguarda i mali antichi della violenza in occasione delle guerre: credo che la modernità della risposta rispetto a questi mali antichi che tutti conosciamo e che non ricorderò neanche, può essere una sola, in una parola tolleranza zero da parte di tutto il mondo che si riconosce nella democrazia, quale il nostro. Il secondo punto: tolleranza zero vuol dire tante cose, vuol dire durezza anche, nel perseguire questi reati e inaccettabilità di giustificazioni di qualsiasi tipo. Il secondo punto è invece più nuovo ed è quello che vede la donna stessa esercitare delle violenze. Questo può avvenire ancora una volta in parte come vittima, come nel caso delle donne kamikaze che spesso così sono ancora una volta usate, ma bisogna riconoscere che ci sono casi in cui le donne in nome del principio dell'uguaglianza hanno esercitato violenza come gli altri. In questo caso anche qui nessuna tolleranza, chiamiamola così, di genere. C'è un terzo fatto che mi preme di più e che vorrei sottolineare con maggiore enfasi: quello di un ruolo tanto importante da arrivare addirittura a parlare di quote delle donne in tutta la vita politica, amministrativa, legata alle questioni di guerra. Vorrei vederle sedute a tutti i tavoli in cui si parla di pace e di ricostruzione. Io credo che la presenza delle donne in questo settore sia l'offerta di modernità e di democrazia che il nostro mondo può dare, la vera nuova offerta di novità."@lt14
"Signor Presidente, anch'io intervengo su questo tema estremamente delicato che è stato affrontato con grande intelligenza e con grande attenzione dalla nostra collega. Anch'io mi soffermo su tre punti fondamentali che sono stati messi in luce dalla relazione e che desidero qui sottolineare. Il primo riguarda i mali antichi della violenza in occasione delle guerre: credo che la modernità della risposta rispetto a questi mali antichi che tutti conosciamo e che non ricorderò neanche, può essere una sola, in una parola tolleranza zero da parte di tutto il mondo che si riconosce nella democrazia, quale il nostro. Il secondo punto: tolleranza zero vuol dire tante cose, vuol dire durezza anche, nel perseguire questi reati e inaccettabilità di giustificazioni di qualsiasi tipo. Il secondo punto è invece più nuovo ed è quello che vede la donna stessa esercitare delle violenze. Questo può avvenire ancora una volta in parte come vittima, come nel caso delle donne kamikaze che spesso così sono ancora una volta usate, ma bisogna riconoscere che ci sono casi in cui le donne in nome del principio dell'uguaglianza hanno esercitato violenza come gli altri. In questo caso anche qui nessuna tolleranza, chiamiamola così, di genere. C'è un terzo fatto che mi preme di più e che vorrei sottolineare con maggiore enfasi: quello di un ruolo tanto importante da arrivare addirittura a parlare di quote delle donne in tutta la vita politica, amministrativa, legata alle questioni di guerra. Vorrei vederle sedute a tutti i tavoli in cui si parla di pace e di ricostruzione. Io credo che la presenza delle donne in questo settore sia l'offerta di modernità e di democrazia che il nostro mondo può dare, la vera nuova offerta di novità."@lv13
"Signor Presidente, anch'io intervengo su questo tema estremamente delicato che è stato affrontato con grande intelligenza e con grande attenzione dalla nostra collega. Anch'io mi soffermo su tre punti fondamentali che sono stati messi in luce dalla relazione e che desidero qui sottolineare. Il primo riguarda i mali antichi della violenza in occasione delle guerre: credo che la modernità della risposta rispetto a questi mali antichi che tutti conosciamo e che non ricorderò neanche, può essere una sola, in una parola tolleranza zero da parte di tutto il mondo che si riconosce nella democrazia, quale il nostro. Il secondo punto: tolleranza zero vuol dire tante cose, vuol dire durezza anche, nel perseguire questi reati e inaccettabilità di giustificazioni di qualsiasi tipo. Il secondo punto è invece più nuovo ed è quello che vede la donna stessa esercitare delle violenze. Questo può avvenire ancora una volta in parte come vittima, come nel caso delle donne kamikaze che spesso così sono ancora una volta usate, ma bisogna riconoscere che ci sono casi in cui le donne in nome del principio dell'uguaglianza hanno esercitato violenza come gli altri. In questo caso anche qui nessuna tolleranza, chiamiamola così, di genere. C'è un terzo fatto che mi preme di più e che vorrei sottolineare con maggiore enfasi: quello di un ruolo tanto importante da arrivare addirittura a parlare di quote delle donne in tutta la vita politica, amministrativa, legata alle questioni di guerra. Vorrei vederle sedute a tutti i tavoli in cui si parla di pace e di ricostruzione. Io credo che la presenza delle donne in questo settore sia l'offerta di modernità e di democrazia che il nostro mondo può dare, la vera nuova offerta di novità."@mt15
"Mijnheer de Voorzitter, ook ik wil iets zeggen over dit uitermate gevoelige onderwerp waarover mevrouw De Keyser zich op een verstandige en grondige manier heeft gebogen. Ik zal me ook concentreren op drie fundamentele punten die in het verslag aan de orde zijn gesteld en die ik hier wens te benadrukken. Het eerste punt betreft het eeuwenoud kwaad van seksueel geweld in oorlogstijd. Ik ben van mening dat er slechts één modern antwoord is op dit eeuwenoud kwaad – we weten allemaal waar het hier om gaat en ik zal het niet opnieuw benoemen – namelijk in één woord: nultolerantie van de kant van elke samenleving die zichzelf als democratisch beschouwt, zoals de onze. Ten tweede houdt de term nultolerantie meerdere dingen in, zoals het bestrijden van deze misdrijven door ze te bestraffen en geen enkel excuus te tolereren. Het tweede punt daarentegen is van recentere datum en betreft vrouwen die zich schuldig maken aan gewelddadigheden. Ook hier kunnen zij, in sommige gevallen, deels als slachtoffer worden beschouwd, zoals de vrouwelijke kamikazes, waar wederom vaak misbruik van wordt gemaakt. We moeten echter erkennen dat vrouwen in sommige gevallen, uit naam van gelijkheid, net als anderen geweld hebben gebruikt. Ook in deze gevallen mag er geen sprake zijn van zogenaamde gendertolerantie. Een derde punt baart me zelfs nog meer zorgen en dat wil ik graag met klem benadrukken. Aangezien de rol van de vrouwen zo belangrijk is, wordt er zelfs gesproken over het instellen van quota voor vrouwen die politieke en bestuurlijke functies vervullen die gerelateerd zijn aan oorlog. Ik zou deze vrouwen graag zien plaatsnemen aan alle onderhandelingstafels waar vrede en wederopbouw onderwerp van gesprek zijn. Ik denk dat onze wereld, via de aanwezigheid van vrouwen op dit terrein, blijk kan geven van een modern en democratisch karakter: een werkelijk innovatieve en hedendaagse bijdrage."@nl3
"Signor Presidente, anch'io intervengo su questo tema estremamente delicato che è stato affrontato con grande intelligenza e con grande attenzione dalla nostra collega. Anch'io mi soffermo su tre punti fondamentali che sono stati messi in luce dalla relazione e che desidero qui sottolineare. Il primo riguarda i mali antichi della violenza in occasione delle guerre: credo che la modernità della risposta rispetto a questi mali antichi che tutti conosciamo e che non ricorderò neanche, può essere una sola, in una parola tolleranza zero da parte di tutto il mondo che si riconosce nella democrazia, quale il nostro. Il secondo punto: tolleranza zero vuol dire tante cose, vuol dire durezza anche, nel perseguire questi reati e inaccettabilità di giustificazioni di qualsiasi tipo. Il secondo punto è invece più nuovo ed è quello che vede la donna stessa esercitare delle violenze. Questo può avvenire ancora una volta in parte come vittima, come nel caso delle donne kamikaze che spesso così sono ancora una volta usate, ma bisogna riconoscere che ci sono casi in cui le donne in nome del principio dell'uguaglianza hanno esercitato violenza come gli altri. In questo caso anche qui nessuna tolleranza, chiamiamola così, di genere. C'è un terzo fatto che mi preme di più e che vorrei sottolineare con maggiore enfasi: quello di un ruolo tanto importante da arrivare addirittura a parlare di quote delle donne in tutta la vita politica, amministrativa, legata alle questioni di guerra. Vorrei vederle sedute a tutti i tavoli in cui si parla di pace e di ricostruzione. Io credo che la presenza delle donne in questo settore sia l'offerta di modernità e di democrazia che il nostro mondo può dare, la vera nuova offerta di novità."@pl16
"Senhor Presidente, também eu intervenho sobre esta questão tão delicada, tratada com grande inteligência e rigor pela senhora deputada De Keyser. Também eu me deterei em três pontos fundamentais que foram salientados no relatório e que gostaria de aqui destacar. O primeiro ponto respeita ao mal antigo da violência sexual em tempo de guerra. Penso que só pode haver uma resposta moderna para esta questão antiga (todos a conhecemos e não vou repeti-la): numa palavra, tolerância zero por parte de qualquer sociedade que se considere democrática, como é o caso da nossa. Segundo ponto: tolerância zero significa muitas coisas, incluindo dureza na punição destes crimes e não aceitação de nenhum tipo de justificações. Este segundo aspecto é mais recente do que o primeiro, e refiro-me ao facto de as próprias mulheres exercerem actos de violência. Podem, também nesta situação, estar a fazê-lo em parte como vítimas, como no caso das mulheres bombistas suicidas, que, muitas vezes, estão também a ser usadas, mas há que reconhecer que, em certos casos, as mulheres, em nome da igualdade, usaram a violência como quaisquer outras pessoas. Também neste caso, não deverá haver qualquer tipo de tolerância de género, chamemos-lhe assim. Há um terceiro facto que me preocupa ainda mais e que gostaria de tratar de modo mais enfático: é tão importante o seu papel que é caso para se falar, inclusivamente, de quotas para as mulheres em todos os níveis da vida política e administrativa em que haja uma ligação com questões associadas à guerra. Gostaria de ver as mulheres com assento em todas as mesas à volta das quais se fala de paz e de reconstrução. Penso que a presença das mulheres neste domínio constitui o contributo de modernidade e de democracia que o nosso mundo pode dar: um contributo realmente novo e contemporâneo."@pt17
"Signor Presidente, anch'io intervengo su questo tema estremamente delicato che è stato affrontato con grande intelligenza e con grande attenzione dalla nostra collega. Anch'io mi soffermo su tre punti fondamentali che sono stati messi in luce dalla relazione e che desidero qui sottolineare. Il primo riguarda i mali antichi della violenza in occasione delle guerre: credo che la modernità della risposta rispetto a questi mali antichi che tutti conosciamo e che non ricorderò neanche, può essere una sola, in una parola tolleranza zero da parte di tutto il mondo che si riconosce nella democrazia, quale il nostro. Il secondo punto: tolleranza zero vuol dire tante cose, vuol dire durezza anche, nel perseguire questi reati e inaccettabilità di giustificazioni di qualsiasi tipo. Il secondo punto è invece più nuovo ed è quello che vede la donna stessa esercitare delle violenze. Questo può avvenire ancora una volta in parte come vittima, come nel caso delle donne kamikaze che spesso così sono ancora una volta usate, ma bisogna riconoscere che ci sono casi in cui le donne in nome del principio dell'uguaglianza hanno esercitato violenza come gli altri. In questo caso anche qui nessuna tolleranza, chiamiamola così, di genere. C'è un terzo fatto che mi preme di più e che vorrei sottolineare con maggiore enfasi: quello di un ruolo tanto importante da arrivare addirittura a parlare di quote delle donne in tutta la vita politica, amministrativa, legata alle questioni di guerra. Vorrei vederle sedute a tutti i tavoli in cui si parla di pace e di ricostruzione. Io credo che la presenza delle donne in questo settore sia l'offerta di modernità e di democrazia che il nostro mondo può dare, la vera nuova offerta di novità."@sk18
"Signor Presidente, anch'io intervengo su questo tema estremamente delicato che è stato affrontato con grande intelligenza e con grande attenzione dalla nostra collega. Anch'io mi soffermo su tre punti fondamentali che sono stati messi in luce dalla relazione e che desidero qui sottolineare. Il primo riguarda i mali antichi della violenza in occasione delle guerre: credo che la modernità della risposta rispetto a questi mali antichi che tutti conosciamo e che non ricorderò neanche, può essere una sola, in una parola tolleranza zero da parte di tutto il mondo che si riconosce nella democrazia, quale il nostro. Il secondo punto: tolleranza zero vuol dire tante cose, vuol dire durezza anche, nel perseguire questi reati e inaccettabilità di giustificazioni di qualsiasi tipo. Il secondo punto è invece più nuovo ed è quello che vede la donna stessa esercitare delle violenze. Questo può avvenire ancora una volta in parte come vittima, come nel caso delle donne kamikaze che spesso così sono ancora una volta usate, ma bisogna riconoscere che ci sono casi in cui le donne in nome del principio dell'uguaglianza hanno esercitato violenza come gli altri. In questo caso anche qui nessuna tolleranza, chiamiamola così, di genere. C'è un terzo fatto che mi preme di più e che vorrei sottolineare con maggiore enfasi: quello di un ruolo tanto importante da arrivare addirittura a parlare di quote delle donne in tutta la vita politica, amministrativa, legata alle questioni di guerra. Vorrei vederle sedute a tutti i tavoli in cui si parla di pace e di ricostruzione. Io credo che la presenza delle donne in questo settore sia l'offerta di modernità e di democrazia che il nostro mondo può dare, la vera nuova offerta di novità."@sl19
"Herr talman! Jag vill tala om denna extremt känsliga fråga som Véronique De Keyser har tagit upp på ett mycket intelligent och mycket noggrant sätt. Även jag tänker lyfta fram tre grundläggande punkter som belystes i betänkandet och som jag vill betona här. Den första punkten gäller det urgamla gisslet med sexuellt våld i krigstid. Jag anser att det bara kan finnas ett modernt svar på detta urgamla gissel (vi är alla bekanta med det och jag ska inte nämna det igen nu): kort sagt, nolltolerans från alla samhällen som betraktar sig som en demokrati, precis som vårt eget. Den andra punkten: nolltolerans innebär många saker, bland annat hårdare tag genom att bestraffa dessa brott och inte acceptera ursäkter av något slag. Den andra punkten däremot är nyare och det är det faktum att kvinnor själva begår våldshandlingar. De kan göra det, återigen, delvis som offer, som i fallet med kvinnliga självmordsbombare, vilka ännu en gång ofta utnyttjas, men det måste erkännas att det finns fall där kvinnor, i jämställdhetens namn, har använt våld precis som alla andra. Även i sådana fall bör det inte finnas någon genustolerans så att säga. Det finns ett tredje faktum som berör mig ännu mer och som jag vill betona starkare: kvinnornas roll är så viktig att man till och med talar om kvotering av kvinnor i alla politiska och administrativa sammanhang som berör krigsfrågor. Jag vill se dem sitta vid alla bord där fred och återuppbyggnad diskuteras. Jag anser att kvinnors närvaro på detta område är vad världen kan erbjuda i termer av modernitet och demokrati: ett verkligt nytt, samtida bidrag."@sv21
lpv:unclassifiedMetadata
"Amalia Sartori (PPE-DE ). –"5,19,15,1,18,14,16,11,13

Named graphs describing this resource:

1http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Czech.ttl.gz
2http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Danish.ttl.gz
3http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Dutch.ttl.gz
4http://purl.org/linkedpolitics/rdf/English.ttl.gz
5http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Estonian.ttl.gz
6http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Events_and_structure.ttl.gz
7http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Finnish.ttl.gz
8http://purl.org/linkedpolitics/rdf/French.ttl.gz
9http://purl.org/linkedpolitics/rdf/German.ttl.gz
10http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Greek.ttl.gz
11http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Hungarian.ttl.gz
12http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Italian.ttl.gz
13http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Latvian.ttl.gz
14http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Lithuanian.ttl.gz
15http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Maltese.ttl.gz
16http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Polish.ttl.gz
17http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Portuguese.ttl.gz
18http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Slovak.ttl.gz
19http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Slovenian.ttl.gz
20http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Spanish.ttl.gz
21http://purl.org/linkedpolitics/rdf/Swedish.ttl.gz
22http://purl.org/linkedpolitics/rdf/spokenAs.ttl.gz

The resource appears as object in 2 triples

Context graph